Un buon Legnago cede di misura al “Sandrini” contro la formazione altoatesina del Südtirol nella partita valida per la 34° giornata di campionato. La squadra di mister Colella ha giocato alla pari per buona parte dell’incontro, senza il minimo timore reverenziale e con l’atteggiamento di chi intende giocare a viso aperto, contro una squadra in piena corsa per la promozione in Serie B.

Il Legnago entra in campo con il giusto approccio e disputa almeno 20 minuti di ottimo livello, ma alla prima occasione viene punito. Prima della fine della prima frazione, i biancazzurri trovano il pareggio con Antonelli e, dopo il rientro in campo, anche il gol del momentaneo vantaggio con Buric, al secondo centro stagionale dopo il gol realizzato a Cesena. Poi un’ingenuità di Rolfini, che colpisce il pallone con un braccio in area di rigore, permette agli altoatesini di portarsi sul 2-2 e, infine, un’incornata di Vinetot regala i tre punti alla formazione allenata da Stefano Vecchi.

E’ del Legnago la prima occasione della partita con Rolfini al 16’ che da buona posizione colpisce il pallone di testa spedendolo sopra la traversa. Al 22’ il vantaggio altoatesino alla prima azione di rilievo: sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla tre-quarti battuto da Casiraghi, il pallone viene toccato da Curto che di tacco serve Malomo, il quale batte Pizzignacco per lo 0-1. Al 32’ dopo un’ottima azione del Legnago, Rolfini da buona posizione si allunga troppo il pallone e per poco non riesce a trovare la rete del pari. Pareggio biancazzurro che arriva al 40’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Buric: sul secondo palo è ben appostato Antonelli che di testa mette in rete il pallone dell’1-1 che rinvigorisce il Legnago. Dopo 1’ di recupero, le due squadre vanno negli spogliatoi sul risultato di 1-1.

Nella ripresa la prima occasione è per gli ospiti con Casiraghi che serve Rover: la difesa biancazzurra recupera. Poi Fischnaller va al tiro ma è bravissimo Stefanelli a deviare in angolo (5’). Al 9’ i biancazzurri passano in vantaggio: Rolfini serve Buric che non fa sconti all’estremo difensore altoatesino per il 2-1. Al 14’ gli ospiti vanno vicini al pareggio con Fischnaller che colpisce di testa ma Antonelli è strepitoso a salvare sulla linea di porta. Al 16’ l’episodio che cambia l’inerzia del match. Rolfini colpisce con la mano in area un pallone proveniente dalla fascia destra: per l’arbitro è rigore ed espulsione del giocatore biancazzurro. Sul dischetto si presenta Casiraghi che insacca alle spalle di Pizzignacco. Negli ultimi 20’ gli ospiti aumentano la pressione alla ricerca del gol che garantirebbe loro la vittoria: al 27’ Casiraghi serve Fischnaller ma Perna lo anticipa al momento del tiro. Un minuto più tardi arriva la terza rete degli altoatesini, dopo un tiro di El Kouakibi respinto in angolo da Pizzignacco. Alla battuta del calcio d’angolo si presenta Casiraghi che trova la testa di Vinetot, il quale manda il pallone alle spalle dell’estremo difensore biancazzurro. Negli ultimi minuti il Legnago si fa vedere in avanti prima con Grandolfo, anticipato al momento di concludere (39’) e poi con Ricciardi, al 43’ che calcia alto. Nei minuti di recupero il risultato non cambia più e il Südtirol riesce quindi ad espugnare il “Sandrini”.

Si materializza così la prima sconfitta della gestione di mister Colella, ma l’enorme differenza tra le due squadre (34 punti prima di questa partita) sul campo si è vista poco e, continuando in questa direzione, il Legnago può senz’altro salvarsi. Gli ospiti accorciano invece le distanze sul Padova portandosi a -2 anche grazie alla vittoria della Triestina ottenuta proprio contro la formazione allenata da Andrea Mandorlini.

Domenica prossima il Legnago sarà impegnato sul campo del Mantova alle ore 17.30 per cercare di ottenere un risultato prezioso.

Queste le dichiarazioni di mister Giovanni Colella al termine di Legnago-Südtirol: “Non ho nulla da rimproverare a nessuno; qualche errore ci può stare ma l’atteggiamento era senz’altro quello giusto. Purtroppo in alcune partite succedono molte cose che costringono a rivedere alcune decisioni; il calcio è anche questo. Ma andiamo avanti compatti senza problemi”.

Così l’allenatore ospite Stefano Vecchi: “A un certo punto la partita si stava mettendo male dopo il secondo gol subito, ma con il nostro carattere siamo riusciti a portare a casa un’importantissima vittoria. Il Legnago si è dimostrato sicuramente un osso duro, come era nelle previsioni”.

 

MAN OF THE MATCH: ARMANDO PERNA

Il capitano dimostra di dare sempre più sicurezza alla difesa biancazzurra con i suoi interventi puntuali e tempestivi.

 

TABELLINO

F.C. Legnago Salus: Pizzignacco, Ricciardi, Antonelli (32’st Chakir), Stefanelli, Girgi (33’pt Zanoli), Yabre, Rolfini, Perna, Lazarevic (20’st Giacobbe), Laurenti (32’st Bulevardi), Buric (20’st Grandolfo). A disposizione: Pavoni, Corvi, Pellizzari, Bondioli, Ruggero, Mazzali, Morselli. Allenatore Giovanni Colella

F.C. Südtirol: Poluzzi, El Kouakibi, Fabbri, Curto, Fischnaller (42’st Magnaghi), Karic, Casiraghi (42’st Beccaro), Rover (20’st Marchi), Greco (35’st Gatto), Tait, Malomo (20’st Vinetot). A disposizione: Meneghetti, Fink, Pircher, Davi, Calabrese, Morelli, Poalk. Allenatore Stefano Vecchi

Arbitro: Sig. De Tommaso della sez. di Rimini

Marcatori: 23’pt Malomo (FCS), 40’pt Antonelli (L), 9’st Buric (L), 18’st Casiraghi (FCS) su rigore, 28’st Vinetot (FCS)

Note: partita a porte chiuse nel rispetto delle disposizioni anti-contagio. Al 16’st espulso Rolfini (Legnago Salus) per fallo di mano in area. Ammoniti Fabbri, Perna, Chakir.

Recuperi: 1′ + 4′

Please follow and like us: