#Biancazzurri di domani: conosciamo meglio la categoria “Esordienti” (annata 2010) del F.C. Legnago Salus

Nel nostro settimo appuntamento con il progetto “#Biancazzurrididomani” abbiamo avuto il piacere di intervistare Raffaello Martello, allenatore della categoria Esordienti primo anno (annata 2010) del F.C. Legnago Salus.

Di seguito l’intervista:

Ciao Raffaello, e grazie per la tua disponibilità. Partendo dalla tua carriera da allenatore, hai avuto l’opportunità di lavorare solamente con squadre del Settore Giovanile?

Inizio col ringraziare la società per la possibilità che mi state dando. Come allenatore, ho sempre lavorato con le categorie dell’attività di base. Ho iniziato con i Pulcini (primo e secondo anno), per poi arrivare alla categoria Esordienti, primo e secondo anno. Nella scorsa stagione ho allenato gli Esordienti Under 13 nazionali, anche se purtroppo abbiamo avuto poche possibilità di giocare a causa della pandemia. Ho sempre lavorato sul campo con le categorie dell’attività di base, dai Pulcini agli Esordienti appunto.

Complessivamente, quante squadre hai avuto la possibilità di allenare nella tua carriera?

Ho avuto parecchie possibilità di allenare, dalle annate 2005, 2006, 2007, 2008 e in questa stagione ho preso in mano l’annata 2010, con la quale siamo agli inizi di un percorso, considerando che il prossimo anno questi ragazzi andranno a far parte della categoria “Under 13 Pro”.

A proposito di quest’ultimo aspetto, i ragazzi che stai seguendo si stanno avvicinando alla conclusione di un percorso nell’attività di base, che poi li porterà a mostrare le loro doti in un nuovo percorso, che intraprenderanno se lo vorranno nello specifico nelle categorie nazionali professionistiche. Condividi questa riflessione?

Il ragionamento è corretto e concordo pienamente. Proprio in considerazione di questa prospettiva, negli allenamenti stiamo lavorando con alcuni nuovi innesti nella squadra. Fino a dicembre abbiamo avuto la possibilità di lavorare bene e ho visto dei grandi miglioramenti da parte dei ragazzi, sotto l’aspetto dell’autostima, della voglia di imparare e di essere qui. Uno dei principi fondamentali nei nostri allenamenti è l’intensità, che è ormai alla base del nostro calcio moderno, senza la quale al giorno d’oggi non si riesce a giocare. Poi stiamo lavorando per perfezionare sia la tecnica e la tattica individuale, sia la tattica collettiva. Sto già vedendo buoni risultati, anche grazie al supporto del nostro responsabile dell’attività di base Francesco Tramarin, tenendo conto anche del fatto che i gesti tecnici vanno ripetuti regolarmente e con alta frequenza se vogliamo trasmetterli ai ragazzi. Credo che la direzione nella quale stiamo lavorando sia giusta per avere dei benefici in futuro.

Quali sono, secondo te, gli aspetti che accomunano la categoria Esordienti primo anno con la categoria “Under 13 Pro”?

Un primo aspetto è il fatto che si lavora sulla tecnica individuale con esercitazioni sulla conduzione della palla, sul dribbling, sul tiro e, più in generale, sulle attività della tecnica di base. Poi si passa allo smarcamento e alla gestione del possesso palla. L’obiettivo comune è riuscire a portare i ragazzi ad un buon livello da questo punto di vista.

Dal punto di vista dell’evoluzione dell’attività di base, il “lasciar sperimentare” che era l’elemento distintivo delle prime annate, in questa categoria è ancora presente ma lascia gradualmente spazio alla consapevolezza che nel calcio, come in ogni disciplina sportiva, vanno rispettate e trasmesse ai ragazzi alcune regole. Su questo aspetto hai qualche ulteriore considerazione da fare?

Come dico sempre ai ragazzi all’inizio della stagione, chi viene a Legnago deve imparare ad adottare un comportamento di un certo tipo, che viene valutato dall’allenatore. Ogni ragazzo deve essere responsabile delle sue azioni e di quella che è la sua condotta all’interno della società Legnago Calcio. Il buon comportamento di ogni ragazzo incide positivamente anche sulla sua crescita, e questo è qualcosa cui tengo particolarmente, anche considerando la prospettiva futura di questi ragazzi.

Con il gruppo di ragazzi che stai seguendo, intendi portare avanti qualche particolare iniziativa in futuro?

Stiamo già portando avanti un progetto con i centri federali. Detto questo, la mia speranza è che si esca presto da questa pandemia per iniziare a svolgere più allenamenti. Speriamo di riuscire a portare a termine quanto ci eravamo prefissati all’inizio della stagione come attività di base.

Ringraziamo mister Raffaello Martello per la sua disponibilità e collaborazione e vi diamo appuntamento alla prossima intervista del progetto “#Biancazzurrididomani”.

Tags :
Attività di base, BIancazzurri di domani, F.C. Legnago Salus
Share This :

Articoli correlati:

Intesa con Sportium per la riqualificazione dello stadio “Sandrini”
31Dic

Intesa con Sportium per la riqualificazione dello stadio “Sandrini”

F.C. Legnago Salus e Sportium, società del Gruppo Progetto CMR, sono liete di annunciare di aver raggiunto un accordo

“#SemplicementeGrazie”, consegnata la maglia al dg dell’Aulss 9 Scaligera
03Dic

“#SemplicementeGrazie”, consegnata la maglia al dg dell’Aulss 9 Scaligera

Nella mattinata di martedì, una delegazione del Legnago Salus composta dal direttore generale Mario Pretto, dal capitano Andrea Bondioli,

#YesWeCamp: al via la seconda settimana!
20Giu

#YesWeCamp: al via la seconda settimana!

E’ tempo di camp estivi allo stadio “Sandrini” di Legnago: oggi è iniziata infatti la seconda settimana di #YesWeCamp,

Benvenuto, mister Donati!
16Giu

Benvenuto, mister Donati!

F.C. Legnago Salus ha il piacere di annunciare di aver affidato a mister Massimo Donati la guida tecnica della

La nuova Area Sportiva per la stagione calcistica 2022-’23
15Giu

La nuova Area Sportiva per la stagione calcistica 2022-’23

F.C. Legnago Salus, nell’ambito della nuova struttura societaria di cui ha deciso di dotarsi, comunica che, per la stagione