#Biancazzurri di domani: appuntamento speciale con Fulvio Isolani, responsabile del settore giovanile biancazzurro

Il progetto “#Biancazzurri di domani” si arricchisce con un appuntamento speciale: l’importante lavoro svolto dalla società F.C. Legnago Salus a livello giovanile necessita non solo dell’impegno e della collaborazione di tutti coloro che gravitano attorno al Settore Giovanile, ma anche e soprattutto di trovare un punto di riferimento in una figura di grande esperienza e indubbia affidabilità.

Abbiamo avuto quindi il piacere di scambiare alcune considerazioni con il responsabile del Settore Giovanile, Fulvio Isolani, nell’intervista di seguito riportata:

Ciao Fulvio, e grazie per la tua disponibilità. In qualità di responsabile del Settore Giovanile biancazzurro, ti chiedo innanzitutto su quanti tesserati può contare il Settore Giovanile della nostra società in questa stagione.

Attualmente il nostro Settore Giovanile può contare su circa 300 tesserati. L’elemento di novità di quest’anno è rappresentato dall’Academy nella quale sono presenti due squadre, una di Giovanissimi, l’altra di Pulcini.

Partiamo dalla parte agonistica del Settore Giovanile, che in questa stagione può vantare 6 squadre partecipanti a campionati nazionali di livello professionistico. Puoi già fare un bilancio di questa prima parte della stagione del Settore Giovanile agonistico?

Le nostre sei squadre nazionali, dall’Under 19 all’Under 13, partecipano a competizioni con società notevolmente blasonate di tutto il Nord Italia. Dovendo dare un giudizio, dico che sono contento del livello raggiunto al nostro secondo anno di professionismo, considerando anche che lo scorso anno abbiamo giocato veramente poco a causa dei noti problemi legati alla pandemia, mentre quest’anno stiamo giocando maggiormente. Per quanto riguarda gli obiettivi, posso dire che siamo in linea con quanto ci siamo prefissati con la Società, in quanto abbiamo certamente qualche squadra che sta trovando difficoltà ma altre squadre che invece stanno disputando ottime partite con società, come dicevo prima, blasonate.

Prendendo sempre in considerazione l’attività agonistica, gli unici due allenatori che sono stati confermati dalla scorsa stagione sono Alessandro Montorio (Primavera 3) e Manuel Segala, che quest’anno allena la categoria Under 16. Qual è stato il criterio adottato per selezionare gli altri mister?

Anche su questo posso affermare che stiamo crescendo, nel senso che abbiamo selezionato i mister non solo in base alla loro preparazione e professionalità, ma anche in base alla loro disponibilità di tempo in orario pomeridiano, considerando che tutte le nostre sedute di allenamento dell’attività agonistica iniziano normalmente tra le 15 e le 16. Sulla scelta ha pesato anche l’esperienza che i vari mister hanno maturato in importanti società nel Veronese, e li abbiamo portati qui con l’obiettivo di far crescere loro stessi ma anche la società.

Per quanto riguarda l’attività di base, accennavi prima al progetto dell’Academy. Puoi precisare meglio di cosa si tratta?

Per prima cosa volevo ringraziare l’attuale coordinatore responsabile dell’attività di base, Francesco Tramarin, che si sta dimostrando un professionista serio e sta svolgendo un ottimo lavoro. L’Academy è nata per arrivare più efficacemente all’obiettivo della società di lavorare sui piccoli atleti, che rappresenteranno il nostro futuro. L’idea di fondo è crescere i piccoli atleti “a casa nostra”, perché siamo convinti che questa politica societaria pagherà in futuro. Al momento abbiamo due o tre annate di buon livello (2010 e 2011 nel F.C. Legnago Salus e 2011 nell’Academy Legnago), che ci stanno dando parecchie soddisfazioni per quanto riguarda l’attività di base. Approfitto dell’occasione per ringraziare i vari staff, la segreteria, con particolare riferimento a Marco Marostica e Alessandra Ambrosi, che su questo aspetto ci stanno dando un grosso aiuto, naturalmente con la collaborazione di molte altre persone. Ringrazio inoltre tutti i mister, che stanno facendo un lavoro da professionisti.

Qual è il progetto futuro della Società riguardo alla propria attività di base?

Cito nuovamente l’Academy perché è nata con l’obiettivo di far crescere anche quei ragazzi che per una serie di motivi, anche fisici, non sono ancora tecnicamente pronti, ma l’intento nostro per i prossimi anni è che anche nell’Academy, come nel F.C. Legnago, vi siano ragazzi di tutte le annate, dalla squadra che potrebbe essere definita ”Juniores”, fino ad una vera e propria Scuola Calcio dell’Academy, il tutto nell’ottica di costruire un Settore Giovanile ambizioso e parallelo che possa contare su 200 o 300 ragazzi solamente dell’Academy. E’ questo un obiettivo particolarmente alto e ambizioso, ma credo che ci arriveremo, soprattutto se riusciremo ad ottenere categorie Élite anche con l’Academy.

A proposito di quest’ultimo aspetto, alla nostra società è stato confermato il riconoscimento di “Scuola Calcio Élite”; questo è importante perché rende la società riconosciuta anche sul territorio. Sei d’accordo?

E’ il quarto anno che siamo riconosciuti come “Scuola Calcio Élite”; questo strumento è importante perché ci aiuta a far crescere i nostri allenatori e i nostri ragazzi, considerando anche che Legnago è un punto di riferimento anche per i centri federali. Essendo venuta meno, negli ultimi tempi, l’attività di questi ultimi, Legnago è diventato di fatto qualcosa di molto simile ad un centro federale con il lavoro svolto dalla nostra Società. E’ qualcosa di importante, ma anche di impegnativo perché comporta l’organizzazione di corsi, serate con i genitori, corsi per i dirigenti, però è un motivo di crescita e un qualcosa di cui in questo momento non potremo fare a meno.

Nelle varie categorie giovanili, hai notato qualche ragazzo che in prospettiva potrebbe dare nei prossimi anni un eventuale contributo anche in Prima Squadra?

A mio avviso, senza voler mancare naturalmente di rispetto alle altre categorie del nostro Settore Giovanile, si stanno mettendo in luce molto positivamente le annate 2005 e 2006, gruppi su cui stiamo lavorando da qualche anno; alcuni di loro nella prossima stagione potranno dare una mano nella formazione Primavera e ritengo possibile che riusciremo a portarne qualcuno anche in Prima Squadra. Consideriamo anche che abbiamo già Luca Zanetti che, pur avendo fatto qualche esperienza in altre società della nostra provincia, è cresciuto nel nostro Settore Giovanile. A mio parere nei prossimi anni saranno pronti anche altri.

Ringraziamo nuovamente il responsabile del Settore Giovanile Fulvio Isolani per la sua disponibilità e collaborazione.

Tags :
BIancazzurri di domani, F.C. Legnago Salus, Settore Giovanile
Share This :

Articoli correlati:

Intesa con Sportium per la riqualificazione dello stadio “Sandrini”
31Dic

Intesa con Sportium per la riqualificazione dello stadio “Sandrini”

F.C. Legnago Salus e Sportium, società del Gruppo Progetto CMR, sono liete di annunciare di aver raggiunto un accordo

“#SemplicementeGrazie”, consegnata la maglia al dg dell’Aulss 9 Scaligera
03Dic

“#SemplicementeGrazie”, consegnata la maglia al dg dell’Aulss 9 Scaligera

Nella mattinata di martedì, una delegazione del Legnago Salus composta dal direttore generale Mario Pretto, dal capitano Andrea Bondioli,

Primavera 3: il Legnago riprenderà il campionato domenica 30 gennaio
27Gen

Primavera 3: il Legnago riprenderà il campionato domenica 30 gennaio

In data odierna la Lega Pro ha comunicato che la partita tra Legnago Salus e Suedtirol, valida per la

Lorenzo Lollo in prestito dal Bari!
27Gen

Lorenzo Lollo in prestito dal Bari!

F.C. Legnago Salus comunica di aver raggiunto un accordo con la Società Sportiva Calcio Bari S.p.A. per il trasferimento

#Biancazzurrididomani: conosciamo meglio l’annata 2011 del F.C. Legnago Salus
27Gen

#Biancazzurrididomani: conosciamo meglio l’annata 2011 del F.C. Legnago Salus

Nel sesto appuntamento con il progetto “#Biancazzurrididomani” è protagonista l’annata 2011 biancazzurra. Abbiamo intervistato Andrea Lovato, che allena la