Impresa sfiorata per il Legnago che in quel di Carpi, contro l’omonima formazione tra le più attrezzate per la vittoria del campionato, disputa un gran secondo tempo e costruisce le migliori occasioni per vincere. Nella squadra biancazzurra, oltre agli infortunati Sgarbi e Yabre, si aggiungono le due defezioni dell’ultim’ora di Carannante e Luppi, lievemente acciaccati.

Buon avvio di gara per i padroni di casa, poi il Legnago cresce sempre più: alla squadra biancazzurra riesce tutto bene (o quasi) fino al limite dell’area, ma la compagine di Bagatti difetta di precisione in zona-gol. Il Carpi è squadra molto compatta, che ha dimostrato di poter lottare per le prime posizioni della classifica.

Il Legnago inizia la partita a ritmi un po’ troppo bassi, ma costruisce la prima azione pericolosa al 5’ con Ranelli che serve Bulevardi, il quale crossa per Rolfini: il portiere locale Rossini respinge. Il Carpi si rende pericoloso al 12’ con un colpo di testa di Fofana deviato in corner, e un minuto più tardi con una conclusione di Gozzi che finisce di poco a lato. Al 17’ un rasoterra di Bayeye finisce a lato. Al 20’ Fofana impegna Pizzignacco in una respinta su conclusione dalla distanza. Poi il Legnago mette i brividi ai padroni di casa: al 25’ Rolfini servito da Grandolfo conclude sull’esterno della rete ma il primo assistente dell’arbitro sbandiera un fuorigioco. Al 27’ Grandolfo al tiro: il portiere Rossini respinge. Al 30’ una punizione battuta da Ranelli viene deviata in angolo; sugli sviluppi del corner Bondioli incorna alto. Al 34’ Ranelli prova la soluzione da fuori area: l’estremo difensore locale devia in corner. Al 41’ la più nitida occasione per il Legnago nel primo tempo: prima Rolfini si vede respingere il tiro dal portiere locale, poi Grandolfo solo davanti al portiere da ottima posizione calcia incredibilmente alto. Le due squadre vanno al riposo sul risultato di 0-0.

La ripresa si apre con il Legnago che mette costantemente pressione al Carpi: al 7’, dopo un’azione insistita dei biancazzurri, Grandolfo conclude ma il portiere locale blocca. Passano due minuti e il Carpi va al tiro da posizione centrale con Ghion: palla alta. Il Legnago prova ad affondare il colpo, ma il Carpi si difende sempre con ordine: al 28’ la squadra biancazzurra ha una buona chance con Rolfini che tenta la conclusione in rovesciata con un gesto tecnico alla maniera di Zlatan Ibrahimovic, ma il pallone finisce a lato. Al 40’ Morselli si fa respingere il tiro dal portiere Rossini. In pieno recupero un’occasione per parte: al 46’ Rolfini serve Bulevardi che viene anticipato al momento di concludere, mentre un minuto più tardi Ferretti per il Carpi serve Biasci che manda il pallone di poco a lato della porta difesa da Pizzignacco.

Alla fine il Legnago è uscito dallo stadio “Cabassi” di Carpi con un punto che muove ulteriormente la classifica e che lascia soddisfazione, anche se con una maggiore precisione nell’ultimo passaggio la squadra biancazzurra avrebbe potuto portare a casa qualcosa in più.

 

MAN OF THE MATCH: MATTEO GASPERI

Sostituisce egregiamente a centrocampo un certo Yabre “Mek” con reattività, facendosi trovare spesso al posto giusto quando serve. Menzione speciale per Alex Rolfini, per la sua vivacità in fase offensiva e per la sua capacità di non dare punti di riferimento agli avversari.

 

TABELLINO

Carpi F.C.: Rossini, Sabotic, Venturi, Gozzi, Bayeye (28’st Marcellusi), Fofana, Ghion, Lomolino (19’st Maurizi), Giovannini (34’st Bellini), Carletti (19’st Ferretti), Biasci. A disposizione: Pozzi, Rossi, Danovaro, Varga, Varoli, Offidani, Rizdal, Mancini. Allenatore Sandro Pochesci

F.C. Legnago Salus: Pizzignacco, Ricciardi, Bondioli, Perna, Zanoli, Gasperi, Antonelli, Ranelli (1’st Morselli), Bulevardi, Rolfini, Grandolfo (33’st Chakir). A disposizione: Colombo, Pavoni, Ruggero, Pellizzari, Senese, Girgi, Giacobbe, Mazzali. Allenatore Massimo Bagatti

Arbitro: Sig. Filippo Giaccaglia della sez. di Jesi

Note: giornata di sole. Partita a porte chiuse nel rispetto della normativa anti-Covid 19. Ammoniti Ranelli, Ricciardi, Zanoli, Gozzi e l’allenatore locale Pochesci

Recuperi: pt. 1’, st. 4’. Calci d’angolo 5-3.

Please follow and like us: