Si conclude già al turno preliminare, l’avventura in Coppa Italia del Legnago Salus, che a Mazzano (Bs) cede il passo al Ciliverghe.

Fatali i calci di rigore, dopo che i tempi regolamentari si erano conclusi sul 2-2, con un doppia rimonta firmata da Vincenzo Barone, protagonista però anche dell’errore decisivo dal dischetto.

Nel complesso un buon Legnago, al primo impegno ufficiale di stagione: i ragazzi di mister Massimo Bagatti hanno sviluppato buone trame di gioco, creando anche diverse occasioni da rete, e venendo puniti solo da episodi. Gli avversari, infatti, hanno trovato la via del gol grazie a un’autorete prima, e su calcio piazzato poi.

Quindi ecco la reazione biancazzurra, con conseguente assalto finale per tentare il clamoroso colpaccio. Che purtroppo non arriva.

 

Ma veniamo all’andamento del match: Il primo acuto è dei padroni di casa, con un bolide da fuori area al 6′, sul quale vola Manuel Enzo, alzando il pallone sopra la traversa.

Un minuto dopo, Cicarevic si libera al tiro, centrando il palo: la palla carambola addosso al portiere avversario, sbatte nuovamente sul legno, quindi finisce tra le braccia dell’estremo difensore lombardo, che la blocca prima che oltrepassi la linea di porta.

Al 14′ il Ciliverghe passa in vantaggio, azione insistita nell’area legnaghese, Enzo respinge per ben due volte i tiri ravvicinati degli avversari, dopodiché Botturi prova a spazzare via il pallone, che colpisce invece Bondioli, carambolando poi in rete.

Bastano circa 60 secondi, al Legnago, per sfiorare subito il pari: bel cross di Darraji, sul quale si avventa di testa Torelli, la cui inzuccata esce di poco a lato.

Attorno al 20imo, bell’azione corale dei biancazzurri sulla sinitra, con il Ciliverghe che si salva in angolo.

Al 23′ Barone si invola in contropiede, ma viene recuperato da un difensore avversario prima di potersi trovare a tu per tu col portiere.

Alla mezz’ora, bella conclusione da fuori area di Cicarevic, bloccata in due tempi dal portiere avversario.

Sul finale di tempo, bel diagonale di Torelli, che esce di pochissimo a lato, e sul quale si conclude la prima frazione di gioco.

La ripresa inizia con un Legnago arrembante, e voglioso di raddrizzare subito il match: al 3′ ci prova Antonelli, la cui conclusione da fuori viene bloccata in due tempi dal numero 1 del Ciliverghe.

Al 10′, però, arriva la doccia fredda del 2-0: il Ciliverghe conquista una bella punizione sui 20 metri, che Mozzanica insacca magistralmente nel sette.

Bondioli e compagni paiono subire il colpo e faticano a reagire, e al 24′ ci vuole un altro doppio intervento di Enzo per stoppare gli avversari.

Pochi minuti più tardi, il neo entrato Farinazzo parte sulla destra, si accentra, e fa partire un sinistro velenoso, parato dall’estremo difensore bresciano.

E’ però il segno del risveglio legnaghese, e infatti al 32′ i biancazzurri accorciano le distanze: ancora Farinazzo “strappa” sulla trequarti avversaria e serve Barone in area. L’attaccante napoletano calcia, il portiere respinge nuovamente sui piedi di Barone, che stavolta non perdona, ed è 2-1.

5 minuti più tardi altra occasionissima sull’asse Farinazzo-Barone, con il primo che mette sulla testa del secondo un pallone delizioso, e l’inzuccata pare destinata in rete, ma il portiere Valtorta compie un vero e proprio miracolo e riesce a smanacciare via il pericolo.

Al 40′ il Legnago completa la rimonta: sgroppata di un altro neo entrato, Dumitru, che serve in area Barone, cui stavolta basta una conclusione per siglare il 2-2.

Con il vento in poppa, al 43′ il Legnago sfiora addirittura il clamoroso vantaggio con Bondioli, la cui conclusione è respinta sulla linea dalla difesa avversaria, che poi libera.

Dopo 4 minuti di recupero arriva il fischio finale e si va ai rigori: inizia il Legnago con Bondioli che trasforma, come pure Mozzanica per il Ciliverghe. Il tiro di Moretti è parato da Valtorta, mentre Sanni calcia sulla traversa, e quindi le due squadre rimangono in parità. Segnano poi Dumitru, Berta, Ranelli e Franzoni, e si arriva al quinto rigore. Il tiro di Barone viene respinto, mentre De Angelis insacca e il Ciliverghe passa il turno.

 

“Abbiamo creato tantissime palle-gol – ha commentato il tecnico Bagatti – ma siamo stati imprecisi sotto porta, specie nel primo tempo, abbiamo sbagliato 4-5 palle-gol clamorose. Abbiamo messo soli davanti al portiere 3-4 volte qualche nostro giocatore, e penso che se facevamo 6 gol era il minimo. Invece ne abbiamo fatti due ed è andata così. Guardando al lato positivo, l’essere andati sotto di 2 reti e poi aver rimontato dimostra la forza di voler riprendere la partita. Poi potevamo fare ancora gol, c’è stato un miracolo su Bondioli, poi la lotteria dei rigori è così.”.

 

TABELLINO
Ciliverghe: Valtorta, Sanni, Menni, Mozzanica, Avesani, Minelli, Pasotti (40’ st Sola), Vignali (28’ st Comotti), De Angelis, Franzoni, Confalonieri (23’ st Berta).
A disp.: Magoni, Manu Aning, Faccioli, Miglio, Coulibaly, Ait Bakrim. All.: Filippo Carobbio

Legnago Salus: Enzo, Darraji, Botturi (29’ st Forestan), Ranelli, Bondioli, Moretti, Antonelli (29’ st Demian), Yabre, Barone, Cicarevic (20’ st Farinazzo), Torelli.
A disp.: Ingrassia, Bagnai, Zanetti, Leoni, Miatton, Marchesini. All.: Massimo Bagatti

Arbitro: Bertuzzi di Piacenza

Marcatori: 14′ pt aut. Bondioli (LS); 58′ Mozzanica (C), 77′ e 86′ Barone (LS).

Note: giornata soleggiata e calda. Spettatori 300 circa.

Ammoniti: De Angelis (Ciliverghe), Moretti e Ranelli (Legnago Salus).

Espulsi: nessuno

Recuperi: pt. 2′, st. 4′.

Sequenza rigori: Bondioli (goal), Mozzanica (goal), Moretti (parato), Sanni (traversa), Demian (goal), Berta (goal), Ranelli (goal), Franzoni (goal), Barone (parato), De Angelis (goal).

 

Man of the Match: Vincenzo BARONE
Certo, l’errore dal dischetto pesa, ed è vero che nel primo tempo si è mangiato una bella occasione. Però nei momenti topici c’è, ed è la sua doppietta a portare il Legnago ai rigori.

 

#SempreForzaLegnago