Grande impresa del nostro Legnago Salus, che a Sesto S. Giovanni porta a casa 3 punti contro la Pro Sesto quarta in classifica, e dopo essere andato in doppio svantaggio.

Un passivo immeritato, perché i biancazzurri ce l’hanno messa tutta per riscattarsi dopo le ultime 4 sconfitte consecutive e, infatti, nemmeno sotto di due reti si sono scoraggiati, raddrizzando subito il match sul finire del primo tempo, per poi mettere ribaltare tutto nel secondo.

I nostri ragazzi partono subito forti e determinati, pressando e spingendosi in avanti ad ogni occasione possibile, specie sulla destra con la catena formata da Dabo, Kouame e Bruni.

La Pro Sesto pare un po’ sorpresa dalla foga legnaghese ma, alla prima vera occasione, passa in vantaggio. Punizione dalla trequarti e palla spiovente in area: vedendo Dabo partire in marcatura su Bugno, Cuoco non esce e il figlio del grande ciclista è bravo a beffare entrambi per l’1-0.

Il Legnago non si abbatte, riparte alla ricerca del pari e al 24′, dopo un’azione insistita, Kouame si libera al tiro ma il portiere avversario para.

Un minuto più tardi bella punizione calciata per la Pro Sesto da Croce, col pallone di poco alto sopra la traversa.

Al 38′ ecco il 2-0: Omayer riceve palla sui 30 metri legnaghesi, vede di avere un po’ di spazio e, dopo un paio di passi, fa partire una fucilata sulla quale Cuoco non riesce a intervenire.

Passano 120 secondi e si accende Diego Vita, che si libera al tiro costringendo il portiere avversario in angolo.

E proprio grazie a un tiro dalla bandierina, al 42′, lo stesso Vita di testa insacca il 2-1 che riapre la partita, mentre al 44′ un bel contropiede sull’asse Bruni-Kouame rischia di dare subito il pari al Legnago.

La seconda frazione parte un po’ come la prima, e anche in questo caso il Legnago rischia la beffa alla prima vera azione pericolosa sestese, quando al 12′ Orchi devia un tiro avversario di poco sopra la traversa, rischiando l’autorete. Sul conseguente corner svetta di testa Marzeglia, sulla cui inzuccata Cuoco sfodera un vero e proprio miracolo, tenendo in vita il Legnago, che 7 minuti più tardi pareggia: Vita pesca benissimo Bruni la cui conclusione non lascia scampo al portiere avversario. E’ il 2-2 che galvanizza a mille i nostri ragazzi, da quel momento in pieno controllo della partita.

Al 25′ Kouame si invola sulla destra, e il suo cross viene respinto in angolo. Due minuti dopo triangolazione Vita-Marin-Vita, e anche stavolta la Pro Sesto si rifugia in corner.

Al 29′ Bruni si invola in contropiede, ma arriva stanco a tu per tu con il portiere avversario, che approfitta dell’esitazione dell’esterno classe 2000 per sottrargli la sfera a un metro dalla porta; sulla ripartenza dei padroni di casa, grande chiusura difensiva di Orchi.

Al 41′, bello spunto personale di Vita, il cui tiro viene però parato, ma è il preludio del trionfo.

Al 44′, infatti, sempre Vita conclude in rete e stavolta non c’è portiere che tenga: 2 a 3!!!

L’arbitro assegna 4 minuti di recupero, Vita e Kouame escono tra gli applausi avversari, mentre i compagni in campo difendono il risultato, e al fischio finale parte la festa!

 

Ecco le parole di un soddisfattissimo mister Andrea Pagan a fine gara: “Sinceramente, quando dopo 4 sconfitte consecutive vai sotto così di due gol, un’altra squadra sarebbe morta. Invece noi abbiamo avuto lo spirito giusto in campo, ci abbiamo sempre provato, abbiamo avuto occasioni con Bruni, con Kouame, finché è arrivato il 2-1, meritatissimo. Quando siamo rientrati negli spogliatoi, all’intervallo, ai ragazzi ho detto che questa partita non potevamo pareggiarla. Loro mi hanno guardato un po’ così, e io ho proseguito dicendo che era perché dovevamo vincerla. E così è andata. Questi siamo noi, e se tutti ci mettiamo a disposizione, possiamo dare tutto. Sono 3 punti meritati, chi è partito dal primo minuto ha fatto molto bene, chi è entrato a partita in corsa ha fatto altrettanto bene: è dei ragazzi questa vittoria”.

 

TABELLINO
Pro Sesto: Tamma, Viganò, Baggi, Croce, Bugno (8′ st Mazzotti), Di Maio, Duguet, Gualdi, Marzeglia, Guccione, Omayer (42′ st Sanseverino).
A disp.: Cioffi, Tignonsini, Romano, Serralunga, Marino, Tota, Crosariol. All. Parravicini

Legnago Salus: Cuoco, Dabo, De Gregorio, Marin, Orchi, Parrino, Kouame (46′ st Ibe), Gulinatti (13′ st Mantovani), Peinado (24′ st Cocuzza), Vita (46′ st Di Dionisio), Bruni (32′ st Darraji).
A disp.: Colella, Gaba, Porcaro, Sandrini. All. Pagan

Arbitro: sig. Rispoli, sez. di Locri

Reti: 19′ pt Bugno (PS), 38′ pt Omayer (PS), 42′ pt Vita (LS); 19′ st Bruni (LS), 44′ st Vita (LS)

Ammoniti: Duguet (PS), Gualdi (PS), Gulinatti (LS), Parrino (LS), Bruni (LS)

Espulsi: nessuno

Recupero: 2′ e 4′

 

Man of the Match: Diego VITA
Difficile, in una partita come questa, scegliere un nome solo, dato che tutta la squadra ha fatto una prestazione maiuscola. Ma Vita segna la prima e la terza rete, servendo in mezzo l’assist per il 2-2 di Bruni. E’ lui a trascinare il Legnago in quel di Sesto S. Giovani.

 

#SempreForzaLegnago