Bella vittoria, per i ragazzi di mister Andrea Pagan, nella delicata sfida contro l’Olginatese, squadra ultima in classifica e con un distacco importante rispetto alla zona play-out e, proprio per questo, alquanto insidiosa, non avendo di fatto ormai nulla da perdere.

Ma la squadra ha interpretato la gara nel modo migliore, partendo subito forte e manovrando con sicurezza, concedendo ben poco agli avversari.

Alla fine i 3 punti arrivano grazie a un 2-0 che, tra legni e parate del portiere avversario avrebbe potuto essere ben più largo, ma l’importante era fare risultato, e averlo raggiunto mostrando anche un bel calcio è sicuramente un valore aggiunto.

E veniamo ora al match: Il Legnago parte subito forte, con una bella azione personale di uno scatenato Willy Kouame, che vale un calcio d’angolo.

Al 7′ i biancazzurri (oggi in rosso) sono già in vantaggio: Mantovani apre bene sulla sinistra per De Gregorio, sul cui cross si inserisce con tempismo perfetto in area Bruni, che di testa sigla l’1-0.

120 secondi dopo altra bella azione di Kouame sulla destra, mentre poco dopo Ibe conquista una punizione sulla trequarti avversaria che Mantovani calcia di poco a lato.

Al 12′, Ibe recupera un bel pallone al limite dell’area avversaria e palla al piede si butta nei 16 metri, calcia, ma il suo tiro non ha fortuna.

Il Legnago continua a premere e attorno al quarto d’ora conquista 3 angoli consecutivi, sull’ultimo dei quali la conclusione di capitan Parrino finisce fuori.

Al 18′ è ancora Ibe a sfiorare il gol, con una sassata che impatta sull’incrocio dei pali, a portiere avversario battuto.

Al 20′ si vede per la prima volta l’Olginatese, con un sinistro di Tremolada che sfila a lato della porta biancazzurra.

A metà primo tempo altra sortita di Kouame, che dribbla mezza squadra avversaria e pesca poi Ibe in area, con la difesa avversaria che si salva in angolo.

Al 28′ De Gregorio si invola sulla sinistra e conquista il fondo, mettendo poi un bel pallone in mezzo all’area che Peinado colpisce di testa e il portiere avversario blocca.

Alla mezz’ora si riaffaccia in area legnaghese l’Olginatese, che reclama timidamente per un tocco di mano che per l’arbitro non c’è e quindi si prosegue.

Al 33′ è ancora Iali a dire di no a Ibe: il nigeriano si libera e calcia, l’estremo difensore respinge con la mano di richiamo.

Al 40′ punizione dal lato sinistro calciata da Mantovani: sul pallone impatta Parrino, ma il portiere respinge, Peinado va per il tap-in, ma ci pensa un difensore avversario a stopparlo.

E’ il 42′ quando Kouame fa il numero più bello del primo tempo, con un bellissimo stop a seguire con cui si libera del suo marcatore, sbagliando poi la misura dell’appoggio per Bruni, pronto a scattare da solo verso la porta avversaria.

E’ ancora la mezzala ivoriana a rendersi protagonista, nel secondo dei 3 minuti di recupero, lanciando splendidamente Ibe, cui non riesce però l’aggancio volante.

Nell’ultima azione del primo tempo, piccolo brivido in area legnaghese, con un pallone che si alza a campanile, e sul quale Cuoco interviene alzandolo sopra la traversa.

Dopo il corner degli avversari che non sortisce effetti, si va negli spogliatoi col vantaggio del Legnago.

I padroni di casa partono forte anche nella seconda frazione di gioco, e già al primo minuto mancano per poco la chiusura di un bellissimo triangolo Ibe-Peinado-Ibe.

Al 3′ minuto Kouame tira fuori un’altra giocata spettacolare: intercettato un pallone a centrocampo, ad ampie falcate conquista terreno verso la parte destra del campo, costringendo gli avversari a chiuderlo in corner.
Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Parrino centra la traversa; la palla va verso Orchi che non riesce a ribadire in rete perché un difensore avversario lo trascina a terra tirandolo per la maglia.
E’ calcio di rigore, del quale si incarica lo stesso Orchi, siglando il 2-0.

Raddoppiato il vantaggio, il Legnago prova in tutti i modi a chiuderla definitivamente, e al quarto d’ora il portiere avversario è bravo ad anticipare Ibe di un soffio.

Passano 60 secondi e l’ex Arzignano è bravo ad aprire sulla destra per Bruni che si infila in area ma poi perde l’attimo per la conclusione.

Al 18′ sempre Ibe serve Mantovani, che fa un’altra apertura sulla destra per Bruni, chiuso in angolo.

Al 20′ altra azione pericolosa sull’asse Ibe-Bruni, con quest’ultimo che serve bene Kouame in inserimento, e Legnago che conquista un altro corner.
Questo ne genera un altro, su cui colpisce di testa Peinado, e il portiere devia ancora fuori. Sugli sviluppi del terzo corner si inserisce Orchi, il cui tiro però finisce fuori.

Al 34′ Kouame ruba palla e serve sulla destra Bruni che appoggia per Ibe, ma anche stavolta il portiere anticipa.

Un minuto dopo ecco la prima azione pericolosa dell’Olginatese nella ripresa, con una punizione sulla trequarti che Cuoco para senza difficoltà.

Al 90′ altra punizione dal limite per l’Olginatese, che avrebbe voluto il rigore, ma invece secondo l’arbitro il fallo è avvenuto qualche centimetro fuori area: la conclusione non ha alcun esito interessante.

In pieno recupero, il neo entrato Mattia Pennacchio parte di forza in contropiede, costringendo Maggioni, in campo da appena 4 minuti, ad abbatterlo da ultimo uomo, con conseguente espulsione diretta.

La punizione la batte Mantovani che, con un sinistro “alla Roberto Carlos”, centra il palo.

Pochi secondi dopo il match finisce con il 2-0 e i 3 punti per il Legnago Salus!

 

A fine gara mister Pagan ha analizzato così il match: “Penso che il risultato avrebbe potuto essere anche più rotondo. Siamo contenti tutti, io per primo, perché la squadra ha giocato dal primo minuto per vincere, e ha fatto una buona partita sul piano del gioco. Bisogna essere più bravi a chiuderle, le partite: se vogliamo andare a mettere i puntini sulle i bisognava chiuderla prima perché l’Olginatese è una squadra cui bisogna dare atto che pur avendo 9 punti in classifica non ha mai mollato niente, e se prendi gol negli ultimi 5-10 minuti, poi sarebbe diventata una bella battaglia. Quindi bravi, complimenti ai ragazzi, perché veramente hanno fatto un gran partita, l’hanno interpretata bene, però bisogna essere più bravi a chiuderle, ecco. Un 3-0 ti dava più tranquillità, comunque complimenti perché alla fine la squadra ha giocato bene, ha fatto la partita che dovevamo fare, perché l’avevamo impostata così, volevamo da subito imporre il nostro gioco e penso che si sia visto quello che abbiamo fatto”.

Queste, invece, le parole del dg Mario Pretto: “Vittoria importante, meritata, un po’ sofferta più che altro non per quel che hanno creato gli avversari, ma per quello che abbiamo mancato noi per metterla in sicurezza. Però diciamo che, alla fine, è un 2-0 ampiamente meritato, che ci deve comunque proiettare al prossimo impegno col Ciserano, senza alzare di più lo sguardo oltre, ma preparando bene la prossima partita, che sarà importante perché avremo la possibilità ancora di far qualcosa di meglio”.

 

TABELLINO
Legnago Salus: Cuoco, Dabo, De Gregorio, Marin (30′ st Di Dionisio), Orchi, Parrino, Bruni ((39′ st Darraji), Kouame (37′ st Gulinatti), Peinado (47′ st M. Pennacchio), Mantovani, Ibe.
A disp.: Colella, Gaba, Porcaro, Sandrini, Marchesini. All. Pagan

Olginatese: Iali, Greco, Zoia (44′ st Maggioni), Ricozzi (28′ st Bignotti), Fabiani, Tarasco, Comi (37′ st Nasatti), Compagnone, Cortesi (1′ st Moretti), Lacchini, Tremolada.
A disp.: Radaelli, Rossini, Salvati. All. Boldini

Arbitro: sig.ra Finzi, sez. di Foligno

Reti: 7′ pt Bruni (LS); 4′ st Orchi (LS) su rigore.

Ammoniti: De Gregorio (LS) e Compagnone (O)

Espulsi: 48′ st Maggioni (O) per fallo da ultimo uomo

Recupero: 3′ e 4′

 

Man of the Match: Willy KOUAME
L’ivoriano oggi è stato semplicemente straripante in fase offensiva, e più accorto del solito in quella difensiva, non incappando nelle ingenuità che magari in altre gare gli sono costate qualche giallo di troppo. Tra uno stop a seguire e una sgroppata sulla destra, ha fatto divertire il pubblico del “Sandrini” che, infatti, gli ha tributato una standing ovation al momento del cambio.

 

#SempreForzaLegnago