Serviva una vittoria, quest’oggi, e la vittoria è arrivata: il Legnago Salus si aggiudica il derby veronese con l’Ambrosiana, sopravanzandola in classifica, grazie all’1-0 firmato dal dischetto da Riccardo Cocuzza.

Mister Andrea Pagan, un po’ per scelta e un po’ per necessità, ha apportato qualche cambio in formazione, riproponendo Mouhamed Dabo come terzino destro, e riaccentrando Alessandro Orchi, al posto di un Pasquale Porcaro in non perfette condizioni fisiche.
E i due hanno saputo ripagare alla grande la fiducia del tecnico, sigillando l’area biancazzurra, e facendosi notare anche con qualche iniziativa offensiva (vedasi il sombrero, al limite dell’area avversaria, del jolly arrivato dal Milano City).

Novità anche a centrocampo, col ritorno tra i titolari di Willy Kouame, e soprattutto in attacco, col debutto assoluto di Zakaria Darraji, talentino di origini tunisine della Juniores, lanciato nel tridente d’attacco al posto di Alessandro Bruni, e con la necessità di sopperire all’assenza dell’acciaccato Diego Vita, cui si è rimediato con la convocazione di un altro gioiellino Under-19, Andrea Miatton.

Il primo tempo vede gli ospiti partire piuttosto pimpanti, con al 9′ minuto una doppia occasione, sulla quale Andrea Cuoco è bravo in entrambi i casi a deviare in calcio d’angolo.

Dopo lo spavento, il Legnago inizia a prendere il controllo, e al 14′ un tiro cross di Cocuzza costringe il portiere avversario alla deviazione in calcio d’angolo.

Al 21′, De Gregorio pescato in area non riesce a deviare con efficacia verso la porta avversaria.

Due minuti più tardi si rivede l’Ambrosiana, con Alba che di testa in piena area manda di poco a lato.

Al 37′, il Legnago non riesce ad approfittare di un batti e ribatti nei pressi dell’area rossonera e, anzi, i padroni di casa rischiano anche di essere colpiti in contropiede.

Al 41′ Kouame si guadagna un corner, sul quale poi s’innalza capitan Parrino che colpisce di testa, trovando un’altra deviazione in angolo.

Al 45′, ancora Kouame imbecca bene Cocuzza, che salta 3 avversari e si libera poi al tiro, alto sopra la traversa.

La ripresa parte con le due squadre che ancora un po’ si studiano ma, alla prima vera accelerazione, il Legnago trova il gol.
Punizione dai 20 metri, verso il centrosinistra della metà campo avversaria: calcia Marin, e in barriera Speri tocca con un braccio.
L’arbitro assegna il calcio di rigore al Legnago, mostrando inoltre il secondo giallo al centrocampista dell’Ambrosiana, che viene così espulso.

Sul dischetto si presenta Cocuzza, che con freddezza spiazza l’estremo difensore avversaria e realizza l’1-0.

Legnago in vantaggio e con un uomo in più, dunque, ma la situazione non scoraggia gli avversari, che provano comunque a farsi avanti, mentre la retroguardia biancazzurra cerca di tenere sotto controllo la situazione.

Al 27′, punizione di Alba, che Cuoco è bravo a respingere di pugno.

Al 38′ bello spunto personale di Darraji, che si conclude però con un nulla di fatto.

Al 41′ altra bella punizione di Alba, ma Cuoco è bravo a bloccare in presa.

60 secondi ed ecco che sull’asse dei subentrati Gulinatti ed Ibe si sviluppa il potenziale colpo del KO in favore del Legnago: il centrocampista bolognese lancia l’attaccante nigeriano che, a tu per tu con il portiere, gli tira addosso.

Un minuto più tardi, Darraji “rischia” di bagnare col gol il suo esordio: il portiere avversario Dani si fa sfuggire il pallone dalle mani, il giovane biancazzurro lo intercetta e calcia a rete, ma il “numero 1” avversario riesce a deviare di piede, e la palla si stampa sul palo.

L’arbitro concede 6 minuti di recupero, e al 50′ Ibe si lancia in contropiede, ma il suo appoggio ad un compagno è corto, e ancora una volta i biancazzurri non riescono a chiudere il match.

Tuttavia riescono comunque a gestire il pallone fino al triplice fischio finale, per poi festeggiare meritatamente coi tifosi al “Mario Sandrini”.

 

“Sono contento – ha dichiarato mister Pagan a fine gara – vincere era importante, ma mi soddisfa anche il modo, l’atteggiamento. Poi è chiaro che non è semplice prendere a pallonate un avversario come questo, che è sceso in campo con le nostre stesse motivazioni. Nel primo tempo abbiamo creato qualcosa, ma poi quando arrivavamo sulla loro trequarti eravamo un po’ precipitosi, ma comunque penso che il risultato sia legittimo. Abbiamo interpretato bene la partita, facendo bene in entrambe le fasi. Poi avremmo dovuto essere più cinici, il 2-0 si poteva fare e ci poteva stare, ma l’importante era prenderci i 3 punti. Il nostro rendimento in casa è da classifica medio-alta, dobbiamo iniziare a fare di più anche fuori”.

Il tecnico ha poi parlato anche del debutto di Darraji: “Devo dire che non sono sorpreso, perché aveva fatto una settimana importante con noi. E’ un ragazzo che può darci un aiuto e dal punto di vista emotivo gli faccio i miei complimenti per l’atteggiamento con cui ha esordito. Sulla prestazione dico che mi aspettavo facesse bene, ed ha rispettato le aspettative. Poi, certo, non è una partita che fa testo, è la continuità che fa la differenza”.

 

TABELLINO
Legnago Salus: Cuoco, Dabo, De Gregorio, Marin (27′ Di Dionisio), Orchi, Parrino, Kouame (14′ st Gulinatti), Sandrini (20′ st Mantovani), Peinado (29′ st Ibe), Cocuzza, Darraji (44′ st Bruni).
A disp.: Colella, Turato, Porcaro, Miatton. All. Pagan

Ambrosiana: Dani, Menini, Acri (37′ st Buxton), Santuari, Contri, Biasi (21′ st Dall’Agnola), Manconi (14′ st Righetti), Speri, Scapini, Alba, Borgogna (22′ st Rivic).
A disp.: Martini, Aloisi, Testi, Filippini, Rossi. All. Chiecchi

Arbitro: sig. De Capua, sez. di Nola

Reti: 10′ st Cocuzza (LS) su rigore

Ammoniti: Kouame (LS), Marin (LS), Orchi (LS), Cocuzza (LS); Speri (A), Biasi (A)

Espulsi: 8′ st Speri (A) per somma di ammonizioni

Recupero: 1′ e 6′

 

Man of the Match: Riccardo COCUZZA
Freddo nella trasformazione del rigore, è una costante spina nel fianco per la retroguardia avversaria, creando diverse occasioni pericolose. Splendido lo slalom che, sul finire del primo tempo, lo vede liberarsi al tiro dopo aver saltato 3 avversari.

 

#SempreForzaLegnago