Si è fatta un po’ attendere, va detto, ma finalmente è arrivata: la nostra Prima Squadra conquista finalmente la sua prima vittoria stagionale, e lo fa con un convincentissimo 3-1 esterno sul campo del Caravaggio, formazione di medio-alta classifica.

In terra bergamasca, mister Andrea Pagan ripropone per 10/11 la formazione che ha pareggiato, meritando ampiamente di vincere, domenica scorsa in casa con la Pro Sesto: unico cambiamento, il rientro dalla squalifica di Alessio Gulinatti, cui lascia il posto un Willy Kouame non in perfette condizioni.

Il match non parte a grandi ritmi, le due squadre inizialmente si studiano, e bisogna attendere il 13′ per vedere un’azione interessante che, dopo un batti e ribatti al limite dell’area dei padroni di casa, vede il portiere biancorosso anticipare in uscita Parrino, pronto a colpire di testa.

Un minuto più tardi è il Caravaggio a rendersi pericoloso con Perego, ma Cuoco è bravo e respingere.

Al 19′, un tiro di Vita rimbalza in terra, e viene poi controllato senza problemi dall’estremo difensore del Caravaggio, Dominici.

A metà del primo tempo il Legnago riparte da un calcio d’angolo avversario, la palla va a Zanetti che parte sulla fascia sinistra, cambiando poi fronte per Taylor che, da destra, fa partire un cross sul quale impatta di testa Vita, ma la mira è imprecisa.

Al 27′ il Legnago passa in vantaggio: su un’azione insistita dei biancazzurri, la difesa del Caravaggio libera alzando un mezzo campanile sul quale si avventa Raffaele De Gregorio, che calcia al volo con un sinistro che si insacca nell’angolino, per una rete da cineteca che fa esultare giocatori, panchina e tifosi.

I padroni di casa cercano ovviamente di recuperare lo svantaggio, e un’azione insistita di Comelli viene più volte rimpallata dalla difesa legnaghese, che poi riesce a liberare.

Al 40′, bell’azione personale di Zanetti, il cui tiro viene però rimpallato, mentre 2 minuti più tardi, su calcio d’angolo di Taylor, il colpo di testa di Vita è liberato poco prima della linea di porta da Mboup.

Ultimo brivido del primo tempo di marca casalinga, quando Comelli tenta la rovesciata su spizzata di testa di Crotti, ma l’esito non è fortunato, e si va quindi al riposo sull’1-o per il Legnago.

 

Nella ripresa, il Caravaggio parte subito forte, e al 3′ minuto Lamesta impegna con un tiro potente Cuoco, che devia in angolo.

Passano 120 secondi e il Legnago raddoppia: ripartenza che vede Bruni servire Vita, da questi palla a Zanetti che non perdona, festeggiando col gol il suo 32imo compleanno.

Al 10′, il capitano prova a restituire il favore al compagno, liberandolo al limite dell’area: Vita si libera di un avversario con una ruleta, ma poi il suo tiro finisce a lato.

Al 12′, su un calcio d’angolo avversario, De Gregorio si attarda a liberare, la palla finisce a Comelli che insacca il 2-1, riaprendo la gara.

Il Legnago però non si scompone, e già al 17′ è di nuovo in attacco con Zanetti, il cui tiro è però parato da Dominici.

Gli risponde, un minuto dopo, Crotti, il cui tiro finisce però alto.

Il Caravaggio spinge in cerca del pareggio, e al 21′ Dabo stoppa in calcio d’angolo una potenziale azione pericolosa degli avversari.
Al 27′ rovesciata di Gambarini, Cuoco para quindi, alla mezz’ora, un colpo di testa di Personè non impensierisce l’estremo difensore biancazzurro.
4 minuti dopo è Granillo a inzuccare verso la porta legnaghese, ma anche stavolta Cuoco si fa trovare pronto.

Al 37′ il Legnago chiude la partita: il neo entrato Kouame recupera un bel pallone a centrocampo e lancia Zanetti che si invola sulla fascia e mette poi al centro per Vita che non sbaglia: 3-1!!!

La girandola dei cambi (compreso, per i biancazzurri, il debutto tra i “grandi” di un altro talentino della Juniores, Pietro Mantoan) e i 4 minuti di recupero concessi dall’arbitro non cambiano l’esito del match: il Legnago vince!

 

“Volevamo questa vittoria – ha dichiarato mister Pagan negli spogliatoi – preparata anche attraverso le partite precedenti, quei piccoli progressi mostrati, e oggi concretizzati in maniera importante. Poi, ovvio, dobbiamo sempre limare qualche sbavatura, tipo quella sul gol preso, che ci ha fatto un po’ soffrire, anche se soffrire aiuta a crescere. Se crediamo in qualcosa dobbiamo andare là fuori per vincere. Adesso bisogna dare continuità a quel qualcosa che si sta facendo di buono: la strada l’abbiamo ritrovata, adesso bisogna percorrerla, con determinazione, con fame. Questa, comunque, è la vittoria dei ragazzi; è loro e se la devono godere“.

“Dobbiamo continuare così” è il commento con cui sentenzia, a fine gara, il presidente Davide Venturato.

 

TABELLINO
Caravaggio: Dominici, Perico (33′ st Turlini), Bertolotti (16′ st Mangili), Carollo (44′ Pirovano), Gambarini, Mboup, Comelli (33′ st Papini), Lamesta, Personè, Crotti, Perego (7′ st Granillo).
A disp.: Mazzoli. All. Bolis

Legnago Salus: Cuoco, Dabo, De Gregorio, Marin, Di Dionisio, Parrino, Taylor (Kouame), Gulinatti (Sandrini), Zanetti (Veratti), Vita, Bruni.
A disp.: Colella, Rizzo, Talin, Cess, Marchesini. All. Corestini

Arbitro: Gigliotti, sez. di Cosenza

Reti: 27′ pt De Gregorio (LS); 5′ st Zanetti (LS), 12′ st Comelli (C), 37′ st Vita

Ammoniti: Perico (C); Marin (LS)

Espulsi: nessuno

Recuperi: 1′ e 4′

 

Man of the Match: Niccolò ZANETTI
Festeggia con un gol e un assist il suo 32imo compleanno, rendendosi inoltre pericoloso in un altro paio di occasioni. Trascinatore vero.

 

#SempreForzaLegnago